Lessico e disabilità (2011)

SOMMARIO: Qual è la giusta terminologia da usare quando si parla di “disabilità”? Nomina sunt consequentia rerum o viceversa? Cosa si nasconde dietro il politically correct? L’articolo contiene una breve analisi sulla terminologia, la sua evoluzione storica e il suo impiego oggi. Viene menzionato anche il ruolo dell’ “interdetto” nella pragmatica linguistica e il suo risvolto sociale, insieme a quello dell’”eufemismo”, arma pericolosa e a doppio taglio. Si conclude con una disamina di una serie di possibili suggerimenti per un approccio corretto alla disabilità.

ABSTRACT: Which is the right terminology to be chosen when we deal with disability? Nomina sunt consequentia rerum or vice-versa? What lies behind politically correct? This article contains a brief analysis on terminology, its historical evolution and its use today. Linguistic interdiction, and its social role are also mentioned regarding their diffusion in language pragmatics. Another topic here taken into account is “euphemism”, a dangerous and double-edges weapon. The article closes with a brief analysis of a series of possible suggestions for a correct approach to disability.

di Paoli Valentina

Scarica l’articolo