Biblioteca Virtuale di Psicologia Cerca in Biblioteca
SCEGLI CATEGORIA:
ORDINATI PER:
AutoreTitoloDataInserimento
AUTORE (opzionale):

PAROLE CHIAVE (opzionale):


Cos'è la Biblioteca Virtuale di Psicologia
La Biblioteca Virtuale di Psicologia accoglie contributi di psicologia, articoli, saggi, e-book, che abbraccino tutti gli ambiti della psicologia.
La Biblioteca Virtuale di Psicologia è una iniziativa Open di Psycommunity, e si prefigge lo scopo di diffondere la conoscenza in Psicologia sia a livello divulgativo sia a livello professionale.
L'inserimento e il download sono gratuiti.

Vuoi pubblicare nella Biblioteca Virtuale di Psicologia?
Scopri come pubblicare i tuoi articoli e le tue opere in Psycommunity.
Consulta le Norme Redazionali e in caso dubbio scrivici.
Email Redazione
Norme Redazionali
Disclaimer

BIBLIOTECA VIRTUALE DI PSICOLOGIA

Coordinatrice: Dr. Patrizia Belleri - Collaboratrice: Dr.ssa Annalisa Bertuzzi

5 record trovati in archivio.

1

Pagina 1 / 1    
Passoni Flavia I. (Member Psycommunity: drpassoni)

Adolescenti & autolesionismo: il meccanismo perverso di una logica (apparentemente) incomprensibile (2017)

Scarica il documento Scarica gratuitamente l'articolo
PAROLE CHIAVE: autolesionismo; adolescenza; genitorialità
SOMMARIO: In questo breve articolo vengono introdotti i principali riferimenti al tema sempre più diffuso dell’autolesionismo, illustrando sinteticamente il complesso meccanismo sottostante al comportamento patologico e le principali e utili strategie di intervento. L’adolescenza è di per sé una fase della vita molto delicata, in cui le emozioni si amplificano; alcuni giovanissimi, per gestire l’esplosione emotiva delle proprie sensazioni, non trovano altra strada se non quella di provocarsi ferite fisiche. Nel testo vengono proposte interpretazioni di questa traiettoria evolutiva deviante ed enucleati i compiti principali di genitori ed educatori: mostrare ai ragazzi dei modi più sani e corretti per divenire consapevoli delle proprie emozioni; delle modalità efficaci per provare a comprenderle e gestirle, ossia per diventarne padroni senza lasciarsi travolgere da esse. Vengono presi in considerazioni i primi, importanti step da seguire - a partire dalla presa di coscienza del problema - e i principali errori da non commettere per gestire al meglio la situazione contingente. Vengono proposti spunti di riflessioni tanto per genitori e amici quanto per i diretti interessati, e incoraggiata la ricerca di aiuto psicologico da parte delle figure coinvolte.

 

Passoni Flavia I. (Member Psycommunity: drpassoni)

L'adolescenza come fase di passaggio: come riconoscere gli esiti normali dagli esiti a rischio di patologia (2017)

Scarica il documento Scarica gratuitamente l'articolo
PAROLE CHIAVE: Adolescenza, Età evolutiva, psicologia clinica
SOMMARIO: L’adolescenza si può definire come un periodo dell’età evolutiva di transizione caratterizzato da intensi cambiamenti psicofisici e durante il quale avviene una riorganizzazione della personalità.
Come è normale nelle fasi di riorganizzazione, in tale periodo vi può essere una più o meno evidente perdita di equilibrio che comunque è funzionale all’abbandono della fase infantile in favore dell’entrata a pieno titolo nell’età adulta.
L’approdo nell’età adulta in maniera sana e funzionale dovrebbe essere il normale esito dell’uscita dall’adolescenza.
Purtroppo però questo è anche il periodo, nella psicologia dell’età evolutiva, in cui vi possono essere i maggiori rischi verso una svolta patologica.
È fondamentale allora riconoscere il più presto possibile tali stati, distinguendoli dalle normali instabilità adolescenziali, in quanto la diagnosi precoce può garantire una prognosi più favorevole ed una maggiore facilità di trattamento nel caso in cui vi sia un’evoluzione in senso patologico.
Di seguito cercheremo di fornire degli spunti,consigliati da esperti in Psicologia, per distinguere i comportamenti adolescenziali normali dai segnali che potrebbero far sospettare uno “stato mentale a rischio”

 

Costantini Sabrina (Member Psycommunity: drcostantini)

La strada del ritorno (2012)

Scarica il documento Scarica gratuitamente l'articolo
PAROLE CHIAVE: Percorso evolutivo, trasformazione, viaggio, fuga, fiabe, madre troppo buona, madre cattiva, vita, morte
SOMMARIO: Il presente articolo intende offrire una riflessione sul panorama evolutivo dell’individuo, a partire dalla nascita fino alla morte.
Si pone peculiare attenzione al viaggio, quale percorso di crescita, differenziato dalla fuga.
Il viaggio, infatti, conduce alla ricerca di un qualche obiettivo, di un oggetto di desiderio e, in quanto tale, riconduce a casa, nel luogo di partenza, arricchiti di conoscenze, esperienze, di una stabilità personale e del recupero della fiducia in sé.
La fuga, invece, rappresenta unicamente una forma di allontanamento da qualcosa che ci disturba, che non vogliamo vedere e costituisce la negazione di quanto non vogliamo affrontare. Questo meccanismo ci impedisce di vedere qualcosa di nuovo, ci lascia immoti, senza partenza e senza ritorno.
Verranno presi in considerazione due fiabe ed un film, quali elementi esemplificativi dei due processi.

 

Simone Grazia (Member Psycommunity: drsimoneg)

Dislessia: eziologia genetica o ambientale? (2009)

Scarica il documento Scarica gratuitamente l'articolo
PAROLE CHIAVE: dislessia, disturbo dell’apprendimento, origine genetica, cromosoma 15, origine ambientale
SOMMARIO: L’articolo propone un confronto tra due diverse ipotesi volte a spiegare l’eziologia della dislessia: l’ipotesi genetica e l’ipotesi ambientale. Nell’ambito dell’approccio genetico, le ultime ricerche italiane riconducono la dislessia ad una origine genetica, nello specifico ad una anomalia del cromosoma 15. Sostenitori dell’approccio ambientalista, sono invece gli studiosi orientali, che pongono l’accento sulle differenze culturali e affermano che la dislessia si presenta con caratteristiche diverse a seconda della lingua madre del soggetto.
Quali sono quindi le nuove prospettive della ricerca in questo campo?

 

Belleri Patrizia (Member Psycommunity: drbelleri)

Il Training Autogeno in età evolutiva (2006)

Scarica il documento Scarica gratuitamente l'articolo
PAROLE CHIAVE: Bibliografia, Training Autogeno, Età Evolutiva, Pediatria, Psicosomatica, Psicoterapia infantile, Scuola, Educazione
SOMMARIO: Bibliografia ragionata sul Training Autogeno in età evolutiva.

Scopo dell'articolo è delineare i pricipali settori in cui è stata studiata la possibilità di applicare il Training Autogeno con i bambini e gli adolescenti, nonchè indicare gli argomenti in cui è utile condurre nuove ricerche.

E' stata esaminata la produzione bibliografica italiana e internazionale dal 1970 ad oggi.

Sono state induividuati quattro settori all'interno dei quali sono stati catalogati i lavori reperiti: aspetti generali e problematiche aperte, pediatria e psicosomatica, psicoterapia infantile, scuola ed educazione.

Le citazioni sono precedute da un breve commento e alla fine dell'articolo è riportata la bibliografia per intero.

 


1
(per ogni pagina massimo 50 record)

L'autore dell'articolo resta proprietario di tutti i diritti. Accettando di inserire il documento nella biblioteca virtuale di Psycommunity l'autore concede il libero download per il solo uso personale e non commerciale. Per qualsiasi informazione contattare l'autore.

Psycommunity non è responsabile circa il contenuto degli articoli che vengono inseriti liberamente dai singoli professionisti o studiosi. Le informazioni, le teorie e le considerazioni riportate negli articoli possono essere in disaccordo con servizi, documenti e progetti pubblicati in altre parti del sito. L'autore è responsabile di tutte le informazioni riportate negli articoli scaricati.